Analisi centrale rischi Banca d’Italia

Analisi Centrale dei Rischi

Si sente sovente parlare di “segnalazione” in centrale rischi. L’argomento interessa sia i privati che le aziende, ma è particolarmente ostico per i “non addetti ai lavori”.

Vediamo di approfondire.

La Centrale dei rischi (CR) è una banca dati che dà una fotografia d’insieme dei debiti di famiglie e imprese verso il sistema bancario e finanziario.

Serve ai clienti che hanno una buona “storia creditizia” per ottenere un finanziamento più facilmente e a condizioni migliori.

Serve alle banche e alle società finanziarie per valutare la capacità dei clienti di restituire i finanziamenti concessi.

È dunque uno strumento utile, per il quale la Banca d’Italia ha predisposto una apposita guida che potrai scaricare qui.

Centrale dei Rischi. 1000x800

La Centrale dei Rischi… in breve

La Centrale dei Rischi è un sistema informativo, gestito dalla Banca d’Italia, che raccoglie le informazioni fornite da banche e società finanziarie sui crediti che concedono ai loro clienti.

La tua Azienda è stata segnalata nelle Centrali Rischi e per questo non riesci più ad ottenere finanziamenti? Vuoi perciò far chiarezza sul perché sei stato valutato in stato di insolvenza (cioè irreversibilmente incapace di saldare il tuo debito) anche se questo non è stato accertato in sede giudiziaria?
Non capisci il motivo del rifiuto di un prestito oppure hai intenzione di richiederne uno, o, non ti viene concesso di accendere un mutuo e conoscere la tua posizione nelle centrali rischi? Il nostro servizio Analisi Centrale dei Rischi ti fornisce tutte le risposte.
Sarebbe necessario conoscere quale sia la propria attuale situazione finanziaria, indispensabile per poter dialogare alla pari con gli istituti di credito.

La quantità di informazioni contenute nella Centrale dei Rischi Banca d’Italia è veramente elevata. Oltre a rappresentare, sia dal punto quantitativo sia da quello qualitativo, informazioni dettagliate sugli affidamenti passati, consente di analizzare, con un ritardo massimo che varia dai 40 ai 70 giorni, anche i dati relativi agli affidamenti attualmente in essere. Tale importantissima caratteristica consente a questo enorme “database” di restare sempre aggiornato e di essere il fulcro fondamentale per ogni analisi riguardante la struttura finanziaria dell’azienda. L’obbligo di Iscrizione in Centrale dei Rischi da parte di Banche e Finanziarie scatta quando:

  • La sommatoria degli affidamenti o delle garanzie ricevute da un singolo istituto di credito è pari o superiore a 30.000 €
  • vi siano posizioni in sofferenza pari o superiori a 250 €
  • vi siano crediti passati a perdita

Il documento è rilasciato gratuitamente dalla Banca d’Italia.

Scaricare e compilare il modulo di richiesta seguendo le istruzioni di compilazione

  • Allegare copia del documento d’identità (fronte e retro), in corso di validità, del Legale Rappresentante che ha sottoscritto la richiesta
  • Inviare entrambi i file tramite PEC alla Banca di Italia all’indirizzo PEC della sede territorialmente competente

È per privati, artigiani-commercianti, piccoli imprenditori, imprese, professionisti

OGGETTO: Istanza Nome Azienda
TESTO DELLA MAIL: “Spett.le Banca d’Italia di nome della città sede della filiale, con la presente per inoltravi istanza dati CR da parte della Nome Azienda
Grazie, distinti saluti.”

–Istruzioni compilazione modulo di richiesta
–Modulo di richiesta
–Elenco sedi territoriali della Banca d’italia

Entro 7 giorni lavorativi, Banca d’Italia risponderà via PEC inviando un file .pdf denominato “Visura Centrale dei Rischi”.

Nel caso in cui non si ricevesse risposta entro tali termini è consigliabile contattare telefonicamente la filiale a cui è stata inviata l’istanza per chiedere chiarimenti in merito.

Ci sono regole che riguardano diversi aspetti, molti dipendono da chi siete (privati, artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, imprese), dalla fase che state vivendo (consolidata, di crescita, o perché no di momentanea crisi di liquidità), se avete all’orizzonte il bisogno di finanziamenti, se siete affidati o meno e con quante banche, se volete mantenere un approccio passivo verso la Centrale dei Rischi oppure volete utilizzarla anche come report per monitorare, programmare e sviluppare la vostra attività le regole sono diverse a seconda di cosa si vuole ottenere e dal rapporto che si ha o si vuole avere con il sistema creditizio.

Regole di controllo periodico delle segnalazioni

  1. Regole di verifica e contestazione delle segnalazioni
  2. Regole di “buona gestione” dei rapporti con la banca
  3. Regole di creazione di un monte affidamenti sano
  4. Regole di creazione di un ventaglio di istituti affidanti
  5. Regole di approccio alla banca in caso di prossima richiesta di affidamento o di rinnovo delle linee esistenti
  6. Regole da seguire in caso di difficoltà momentanea (sconfini/insoluti)
  7. Regole di utilizzo proattivo della propria Centrale dei Rischi Banca d’Italia (solo per imprese)

La documentazione che vi verrà inviata da Banca d’Italia probabilmente potrà risultarvi scomoda, decisamente complessa e sicuramente non di facile interpretazione.

Negli anni queste vicissitudini hanno portato alla nascita di diversi servizi in grado di acquisire la Centrale dei Rischi in input per restituirvi un output dato da un report avanzato che ne semplifica di gran lunga la lettura.

Tra i tanti servizi testati che si occupano di questo ne abbiamo scelto uno che ci ha profondamente sorpresi e che qui sotto vi presenteremo.

L’elaborato in questione sarà leggibile da chiunque e immediatamente spendibile, non necessiterà infatti di particolari integrazioni o modifiche da parte dell’utente.

Le informazioni ricavabili sono molteplici: Rating dell’Impresa, Analisi degli Affidamenti e delle Segnalazioni ricevute, Calcolo dei Costi bancari evitabili, Ricognizione completa delle Garanzie rilasciate dal soggetto, etc.

GrifoFinance offre un range di servizi di consulenza finanziaria e mediazione creditizia assai ampio nonché reso da ‘storici’ professionisti provenienti dagli ambiti professionali più qualificati. Nel bouquet, mutui, cessione del quinto dello stipendio, leasing, factoring, credito agevolato per le aziende, servizi agevolati per le aziende, ricerca bandi e contributi, coperture assicurative, cessione credito bonus edilizi, coperture assicurative, prestiti …e non solo.

Chiedi informazioni

7 + 1 = ?